RADIO| podcast radiofonico-radiodramma

Il corso

Martedì dalle 19.30 alle 21.30
Periodo: ottobre - febbraio
Sede di Monza

Costo: 
€ 355 soluzione unica
€ 385 in due tranche (€ 195€ + 6 mag € 190)

Lezione di prova gratuita:
Martedì 29 ottobre alle ore 19.30

a partire da 355 €
contattaci per maggiori informazioni  
Torna alla pagina del corso

In questo corso...

Quante volte abbiamo sentito dire che viviamo in una società dell’immagine?
O che la nostra fantasia è fortemente condizionata dalle immagini che immagazziniamo nella nostra mente? 
Si tratta senz’altro di considerazioni corrette, ma questo strapotere dell’immagine visiva deve pur fare i conti con un immaginario altrettanto potente, se non di maggiore vastità: l’immaginario sonoro. Se è vero che un’immagine vale più di mille parole, è altrettanto vero che un suono contiene mille immagini.

Facciamo insieme un semplice esperimento: accendiamo la nostra TV su un qualsiasi programma, un telegiornale oppure una pubblicità, e silenziamo lo schermo…  molto probabilmente dopo pochi secondi vivremo una sensazione di straniamento, di fastidio verso le mute immagini, proviamo ora invece a voltare le spalle al nostro schermo, con l’audio ben funzionante, ci scopriremo capaci di seguire lo svolgimento di qualsiasi programma e vedremo accendersi la nostra fantasia, che sarà capace di creare immagini molto simili, se non più interessanti, di quelle che non siamo in grado di vedere!

Il potere evocativo delle parole; il suono delle pause, dei silenzi; la tensione narrativa che nasce da un rumore in lontananza; la drammaturgia che si crea attraverso l’ascolto; su questo lavoreremo nel nostro corso dedicato al radiodramma, un genere artistico per troppo tempo trascurato: nato nel periodo d’oro della radiofonia, è stato uno svago e un intrattenimento culturale per alcuni decenni. Progressivamente surclassato dallo strapotere della televisione, una ventina di anni or sono è stato abbandonato da quasi tutte le istituzioni radiotelevisive, con poche eccezioni, nonostante l’apprezzamento del pubblico fosse sempre presente.

Oggi, forse inaspettatamente, il radiodramma, un tempo considerato antico, riconquista il suo ruolo proprio grazie alle moderne tecnologie: podcast e file audio ascoltabili on line su qualsiasi apparecchio telefonico o computer, facilitano e semplificano  l’ascolto e la divulgazione di una forma di intrattenimento sonoro che riesce a stare al passo con i tempi e sono sempre le nuove tecnologie, ad offrire la possibilità di realizzare  opere di buona qualità tecnica, senza ricorrere ad apparecchiature eccessivamente specialistiche.  

Spazio alle idee dunque, ai suoni, ed alla immaginazione creativa, durante il corso ci confronteremo in prima persona anche con la registrazione e l’editing sonoro, creando dei radiodrammi, andando non solo ad interpretare dei ruoli davanti ad un microfono, ma anche ad immaginarli nello spazio sonoro e concretamente a montarli e sonorizzarli. Approfitteremo dell’enorme opportunità che ci offre il radiodramma di dare corpo e suono alle nostre idee creative.

Il nostro sarà dunque un lavoro molto pratico, che ci permetterà di mettere a frutto la creatività su più fronti, permettendoci di esercitare quell’ “autonomia” così importante per la formazione di un artista contemporaneo.

I docenti

Gualtiero Scola

Attore e regista teatrale e cinematografico, ha calcato le scene dei maggiori teatri italiani. Ha approfondito lo studio in discipline dello spettacolo all’Università di Bologna.

Alterna l’attività in teatro con quella televisiva e cinematografica prendendo parte a numerosi film e fiction noti al grande pubblico italiano. Interpreta negli anni diverse serie prodotte da RSI per il mercato svizzero e mitteleuropeo e prende parte con un piccolo ruolo a “Gangs of New York” diretto da Martin Scorsese.

É la voce di personaggi molto popolari tra i bambini e i ragazzi in numerosi cartoni animati o videogiochi, ed interprete di molti radiodrammi ed audiolibri.             

Interpreta negli anni numerosi spot pubblicitari diretto tra gli altri da G. Salvatores e G. Tornatore.

Dirige l’associazione teatridanzanti con la quale si dedica alla realizzazione di spettacoli o recital musicali ispirati ad un teatro che unisca le sue passioni: musica, poesia, danza e spiritualità.