Martedì - dalle 19.00 alle 21.00 - Luca Spadaro

Il corso

Martedì dalle 19.00 alle 21.00

Periodo: da ottobre a giugno

Sede di Monza

Costo: 
soluzione unica: € 510
in tre rate: € 150 (iscrizione) + € 150 (9 dic) + € 210 (3 mar)

Lezione di prova gratuita: 
Martedì 20 ottobre 2020

a partire da 510 €
contattaci per maggiori informazioni  
Torna alla pagina del corso

In questo corso...

“Si noti che gli attori dilettanti non si sono quasi mai preoccupati di acquisire una preventiva preparazione tecnica, come almeno facevano le fanciulle del secolo scorso che, prima di affliggere il salotto di mammà strimpellando su un pianoforte, qualche lezione di musica l’avevano pure presa. Perché, in fondo, che cos’è recitare, se non rifare più o meno quello che si fa tutti i giorni? Eppure gli attori sono spesso considerati la categoria più lontana dalla comune umanità...”
Cesare Molinari, “L’attore e la recitazione”. 

Può suonare strano ma per fare “arte” bisogna prima costruirsi una gabbia, fatta di tecnica, di regole e allenamento. Più solida e stretta sarà la gabbia più libero si sentirà l’attore nel creare. 

Trasformare i giochi dell'infanzia in esercizi teatrali, imparare a raccontare storie, studiare la tecnica dell’improvvisazione, capire a cosa serve il riscaldamento, trasformare un testo in scena e conoscere un po’ di storia del teatro, saranno i nostri obiettivi.

I docenti

Luca Spadaro

Dalla fine degli anni Ottanta studia recitazione in Italia e Svizzera. Alterna i primi esperimenti di regia al lavoro di tecnico teatrale (attrezzista, datore luci,...). Nel 1993 si trasferisce in Argentina dove scrive i suoi primi testi drammaturgici. Tornato in Europa fonda la Compagnia Teatro d’Emergenza con cui, a tutt’oggi, ha messo in scena più di trenta spettacoli come regista. Dal 2003 si occupa di pedagogia teatrale. Nel 2019 pubblica il libro “L’attore specchio-training attoriale e neuroscienze” (Ed. Dino Audino) Oltre all’attività di regista, drammaturgo e pedagogo sta studiando, insieme a specialisti di vari settori, i legami tra neuroscienze e recitazione