Annuale - Pujadevi

Il corso

Venerdì dalle 20.00 alle 23.00
Periodo: ottobre - giugno
Sede di Monza

Costo: 

€ 790 soluzione unica
€ 850 pagamento rateale
(iscrizione € 150
2 dic € 140 | 7 gen € 140 | 3 feb € 140
2 mar € 140 | 6 apr € 140)

Inizio corso:
Venerdì 11 Ottobre dalle 20.00 alle 23.00


a partire da 790 €
contattaci per maggiori informazioni  
Torna alla pagina del corso

In questo corso...

LOVE OVER

Fra le sofferenze che toccano al genere umano, forse una tra le più devastanti è il patimento d’amore, riguardi esso la fine di un amore, un amore non corrisposto, un amore tossico, un amore sbagliato. 

La fine di un amore è una morte, ma al tempo stesso una rinascita, che ci costringe a compiti impegnativi, realizzare il distacco, comprendere quel senso di vuoto, di abbandono, di mancanza, che fa così male dentro e che rende fragili e spaventati, quasi sull’ orlo di un abisso, davanti a una voragine di angoscia. 

Quando perdiamo l’amato, è come se perdessimo anche parti di noi, è come se subissimo una sorta di amputazione emotiva, che ci costringe a vivere senza quel nostro pezzo. 

 Questa sofferenza ha da sempre ispirato poeti, musicisti, pittori, cantanti, drammaturghi, che hanno saputo compiere un atto catartico di fronte al proprio tormento amoroso. 

Un nuovo “viaggio teatrale” da proporre a chi avrà la voglia e il coraggio di provare a raccontare personaggi intorno a tormentate storie d’amore per trasformarle in partiture sceniche da donare a un pubblico che potrà riconoscersi in esse compiendo in tal modo una sorta di catarsi. 

Quale utilità può avere in un mondo sempre affannato e di corsa come il nostro intraprendere un simile viaggio? Ripensando alla tragedia di Aristotele, un percorso analogo, attraverso il mezzo espressivo del teatro, ha per effetto di “sollevare e purificare l’animo da siffatte passioni”, aggiungo, sia nello spettatore che nell’ autore.

 Il lavoro sarà diviso in varie sessioni: 

- Fondazione del gruppo. 

- Racconti: Innamoramento, farfalle nello stomaco, batticuore, lacrime, separazione, lacerazione, solitudine, morte, rinascita, il primo bacio, l’ultimo bacio, il sapore unico dei suoi baci. - Sguardi: il primo sguardo, l’ultimo sguardo, lo sguardo che mi ha ucciso, lo sguardo che mi ha ingannato, i suoi occhi, le lacrime, il suo sguardo, lo sguardo che non potrò mai dimenticare.

 - Partiture sceniche: farfalle nello stomaco, abbracci, mani che si stringono, mani che si lasciano, cuore impazzito, stomaco annodato, respiro corto. - Musica: la musica del cuore, dalla gioia al dolore, il battito del cuore innamorato, il battito del cuore abbandonato. La Musica del respiro, il respiro dell’amore, il respiro del dolore.

 - Le parole dell’amore, le parole della sofferenza d’amore, i toni, i sussurri, le urla, le parole sussurrare, Ti amo, Ti odio. Non posso vivere senza di te. Ti voglio ancora. Dove sei? Perché? 

- Lavoro di improvvisazione sulla drammaturgia. 

- I vestiti dell’amore. I vestiti del dolore. 

- Decompressione

I docenti

Pūjādevī (Elisa Lepore)

Attrice, regista e formatrice teatrale, si è diplomata nel 1993 alla Civica Scuola d’Arte drammatica “Paolo Grassi”. Dopo numerose esperienze in ambito teatrale, cinematografico e televisivo, nel 2005 ha iniziato a lavorare come regista e collabora con diverse accademie e scuole di teatro.