Online - LETTURA ESPRESSIVA | POSTI ESAURITI

Il corso

POSTI ESAURITI


Lunedì 16 novembre dalle 20.30 alle 22.30

Lunedì 23 novembre dalle 20.30 alle 22.30

Lunedì 30 novembre dalle 20.30 alle 22.30

Lunedì 7 dicembre dalle 20.30 alle 22.30


Il corso è gratuito ed esclusivo per i nostri allievi

a partire da 1 €
contattaci per maggiori informazioni  
Torna alla pagina del corso

In questo corso...

“Le parole
sono di tutti e invano
si celano nei dizionari
perché c’è sempre il marrano
che dissotterra i tartufi
più puzzolenti e più rari”

(E. Montale)

Questo seminario di lettura espressiva è rivolto a tutti coloro che vogliono acquisire qualche strumento per comunicare meglio la parola scritta. Leggere bene, a voce alta, per gli altri, serve anche a noi stessi. Le parole sono azioni, immagini, atti di creazione, spostano le cose, le rendono necessarie. Non solo in teatro, ma anche nella vita di tutti i giorni. Per questo l’avere cura dei rapporti umani si esprime anche attraverso discorsi ben pensati, ben detti, ben pronunciati.

Lavoreremo su due livelli, uno più tecnico e uno più artistico:

Accenno agli organi di fonazione
Ginnastica facciale
Accenno ai difetti più comuni relativi alla pronuncia
Pause, accenti, punteggiatura, parole chiave, volumi, timbro e cadenze
Letture a voce alta di brevi brani di generi letterari differenti

Il materiale verrà mandato via e-mail a coloro che parteciperanno attivamente.

I docenti

Alessia Vicardi

Nasce a Cremona nel 1973. Dopo il Liceo Linguistico frequenta l’Accademia dei Filodrammatici di Milano, città in cui vive. Nell’anno del diploma, il 1995, vince la borsa di studio “Lina Volonghi “ di Roma e partecipa al Master di perfezionamento dell’ Accademia d’Arte Drammatica Russa (R.A.T.I – Mosca) tenuto da J. Alschitz. L’incontro con una metodologia differente di approccio all’arte dell’attore e alla pedagogia teatrale mette in discussione la struttura acquisita in Accademia, perciò, parallelamente al lavoro di attrice, prosegue la propria formazione seguendo i laboratori teatrali di P. Clough, N. Karpov, A. Milenin, F. Kahn, D. Manfredini, J. Klezic. La passione adolescenziale per lo studio del comportamento umano e delle differenze tra i sistemi culturali la porta al conseguimento della Laurea in Scienze Etno-antropologiche all’Università di Bologna ( 2011). Nel 2010 vince la VI edizione della Borsa lavoro “Alfonso Marietti” indetta dall’Accademia dei Filodrammatici come regista dello spettacolo “Khub Nist, o l’identità”(2010), di Deniz Ahzar Azari. Nel 2016 è regista di “Come vorrei non morire”, di Daria Pascal Attolini. Tra il 2017 e il 2018 scrive e interpreta “L5 – S1 una storia naturale” in collaborazione con la scrittrice Michela Tilli e in co-regia con Chiara Petruzzelli. Lo spettacolo, sul tema del dolore e della sopravvivenza del più forte, debutta a Monza, viene ripreso a Milano, al Festival di Basiano e al Festival novarese “Le Notti di Cabiria”. Dal 2009 tiene corsi e laboratori di teatro per adolescenti e adulti presso la “Scuola del Binario 7” di Monza; è docente assistente all’Accademia dei Filodrammatici di Milano; coordina un gruppo amatoriale di San Donato Milanese chiamato la “Compagnia di Sovversivi”. Ha collaborato con Teleradiocittanova di Cremona come speaker per programmi musicali e di intrattenimento culturale e con la Radio Svizzera Italiana come attrice radiofonica.